Tuesday, March 4, 2008

La Fonte degli Angeli: il network dei bambini e degli angeli con Sabino Ventura e Yumiko Tachimi per parlare di pace e di arte

Il blog è nato come diario e mi piace oggi raccontare di una piacevole serata trascorsa in compagnia di amici. In realtà non lontana dall'oggetto abituale delle riflessioni che fermo sul mio blog, ieri sera infatti si è parlato di etica ed etica nel lavoro.

L'incontro è stato voluto da due dolcissimi amici, gli artisti Sabino Ventura e Yumiko Tachimi, che sono i promotori di una bellissima iniziativa che stiamo tentando di far conoscere. Colpiti dalla strage di bambini a San Giuliano, uccisi dal terremoto e dall'incuria dell'uomo, stanno dedicando tantissime energie a raccogliere disegni di Angeli per convogliare le loro energie e proteggere i bambini, proprio dalle malefatte dei grandi. Ne hanno già raccolti migliaia.

Ognuno di noi ha incrociato il proprio angelo e forse Sabino è uno di loro, con la sua forza e la sua innocenza.

Ho cercato di aiutarli e la società per cui lavoro mi ha dato una mano, insieme ad alcuni amici di Roma, nel realizzare il sito, che vi invito a visitare. Tanti altri amici hanno aiutato Sabino, compreso il celebre "patch Adams" che ha testimoniato il suo affetto.

In www.fontedegliangeli.org troverete tanti Angeli ad aspettarvi, bellissimi come questo in coda al post, realizzato da una bimba di solo 3 anni. A giudicare dall'arte che pervade questo disegno questa bimba il suo angelo lo vede tutti i giorni, e riesce a rappresentarlo.

Questo post però serve anche a chiedervi una mano.... per ora solo a far conoscere l'iniziativa a raccontarla agli amici, affinchè un giorno si parli di più di pace, di rispetto per l'ambiente e di cultura. Un link o una mail agli amici non costa nulla... sarà un aiuto al network degli Angeli.

Sabino ha re-interpretato alcuni dei dipinti, come quello che vedete, in maniera molto fedele, per far esplodere l'energia su grandi tele.

2 comments:

  1. concordo !! una bellissima e opportuna iniziativa :-)

    ReplyDelete